Di
Luca Daretti

25 regole per creare una Mobile App vincente

Le App rappresentano oggi uno dei migliori modi per arrivare agli utenti, in quanto il  mondo è sempre più Mobile user.

 

Generalmente un’ applicazione di successo deve soddisfare in maniera veloce, efficiente ed accativante i bisogni della gente, in quanto offrono soluzioni con l’intento di sviluppare relazioni a lungo termine con i clienti più fedeli.

In un mercato affollato, per sviluppatori ed esperti di marketing, è diventato più complicato convincere l’utenza media a trovare e scaricare la propria App, in quanto ben il 25% degli utenti di app, una volta scaricata la apre una volta e non la riapre mai più.

Proprio per questo è necessario che sia ben progettata e intuitiva, veloce ed efficiente. Deve rispettare i famosi step:

  • i want to go
  • I want to buy
  • I want to do

Il responsabile della ricerca di UX di Google, Jenny Gove, illustra i 25 principi per la creazione di un’app mobile di qualità. Dividendoli in 6 categorie

  • Navigazione ed esplorazione 
  • Ricerca in App
  • Commercio e conversioni
  • Registrazione
  • Inserimento dei dati
  • Usabilità e comprensione

NAVIGAZIONE ED ESPLORAZIONE

1. Mostrare il valore della tua App dalla prima navigazione

Coinvolgi in maniera chiara l’utente già dalla schermata iniziale, posizionando le CalltoAction ed i punti di forza ben in evidenza in modo da creare interesse sugli utenti.

2. Organizzare le categorie di Menù in modalità user-friendly.

Devono essere chiare, senza creare sovrapposizioni di argomenti, per far trovare facilmente i contenuti ricercati all’utente, evitandogli perdite estenuanti di tempo. Se sono presenti

3. Consenti agli utenti di “tornare indietro” facilmente in un unico passaggio.

Le app devono sfruttare la funzionalità di back in modo che gli utenti non si sentano costretti a dover ricominciare dalla schermata iniziale, il che, in alcuni casi, rischia di perdere dati non salvati. Permettere agli utenti di tornare indietro di un passo elimina questa frustrazione e la necessità di soluzioni alternative inadeguate.

4. Dare la possibilità di cambiare manualmente la ricerca dei luoghi. 

Il rilevamento automatico della posizione può far risparmiare tempo agli utenti. Tuttavia, ci sono momenti in cui gli utenti devono trovare qualcosa di preciso nelle loro vicinanze. Fare l’inserimento manuale della posizione risulta molto più facile e diretto.

5. Integrare e automatizzare i flussi tra Mobile App e Mobile Web

Bisogna far in modo che l’utente inizi e finisca l’esperienza di navigazione all’interno della App, senza farlo navigare sul web per completare un’azione, in quanto questo potrebbe risultare stressante ed una perdita di tempo per l’utente.

RICERCA IN APP

6. Posizionare il campo di ricerca in bella vista

Gli utenti con un’attività specifica o necessità in genere cercano un campo di ricerca. Spesso preferiscono questo alla navigazione. Le app che non dispongono di una casella di ricerca posizionata in primo piano possono causare frustrazione all’utente e rallentare l’utente.

7. Utilizzare l’indicizzazione di ricerca efficace.

Assicurati che i risultati di ricerca siano utili. Data la frequenza con cui gli utenti si affidano alla funzione di ricerca per attività specifiche, si aspettano che funzioni altrettanto bene di Google. Alcune funzioni utili includono l’ortografia delle correzioni automatiche, il riconoscimento delle parole radice, il testo predittivo e i suggerimenti mentre l’utente inserisce il testo. Questi strumenti possono ridurre la probabilità di errori dell’utente. Aiuteranno anche ad accelerare il processo di ricerca e manterranno gli utenti verso la conversione.

8. Fornire opzioni di filtro e ordinamento.

Gli utenti si sentono sopraffatti quando i termini di ricerca risultano in risultati apparentemente irrilevanti e / o troppi. Le opzioni di filtro e ordinamento possono aiutare gli utenti a restringere e organizzare i risultati.

COMMERCIO E CONVERSIONI

9. Fornire informazioni di ricerca e acquisto precedenti.

Risparmia tempo e fatica per gli utenti rendendo le ricerche precedenti e gli acquisti recenti prontamente disponibili. Ciò è particolarmente importante nelle app di uso frequente in cui gli utenti effettuano ricerche ripetute o acquisti.

10. Consenti alle recensioni degli utenti di essere visualizzate e filtrate.

Le recensioni degli utenti sono una componente importante del processo decisionale di acquisto. Un gran numero di recensioni offre ai potenziali acquirenti più fiducia. Aggrega le distribuzioni di classificazione e consenti agli utenti di ordinare e filtrare in modo che possano ottenere la “vera storia” di un articolo. Permetti loro di sfogliare le recensioni più recenti, più positive e più negative per scoprire temi comuni. Sono apprezzate anche le recensioni verificate degli utenti che hanno acquistato l’oggetto.

11. Dare la possibilità di mettere a confronto due prodotti

Quando gli utenti fanno acquisti, vogliono un modo semplice per confrontare gli elementi di interesse. Senza questa capacità, gli utenti delle app sono costretti a mettere gli oggetti nei loro carrelli per confrontare o ricordare quali elementi tornare indietro in seguito. Sul Web, gli utenti possono aggirare questo aprendo ulteriori schede per confrontare i prodotti. Le funzionalità di confronto in-app possono eliminare la necessità di soluzioni alternative per guidare le decisioni di acquisto dei consumatori.

12. Fornire più opzioni di pagamento

Gli utenti si aspettano di vedere i sistemi di pagamento di terze parti come opzioni. Le app che forniscono queste opzioni di pagamento, come PayPal, Apple Pay e AndroidPay, sollevano gli utenti dal punto dolente di compilare moduli aggiuntivi durante il checkout e possono fornire un maggiore senso di sicurezza.

13. Semplifica l’aggiunta e la gestione dei metodi di pagamento.

Semplifica la memorizzazione dei pagamenti e riducendo il numero di passaggi coinvolti. Crea una semplice pagina di accesso alla carta di credito con opzioni quali la tastiera numerica e la scansione della carta di credito. Assicurati di includere la possibilità di aggiungere più carte e una funzione per passare da una all’altra.

REGISTRAZIONE

14. Fornire una chiara utilità prima di chiedere agli utenti di registrarsi.

Gli utenti abbandoneranno un’app che chiede loro di fornire informazioni personali in anticipo, a meno che non vi sia una qualche forma di pagamento immediato (ad esempio ordinando un servizio auto o una consegna di cibo, ad esempio). In particolare, le app con basso riconoscimento del marchio o quelle in cui la proposta di valore non è chiara devono eliminare un ostacolo più elevato quando chiedono agli utenti di registrarsi all’inizio dell’esperienza. Chiedi a un utente di registrarsi solo se è essenziale. Un modo comune in cui questo principio viene applicato consiste nel fornire il checkout al punto di conversione.

15. Differenzia “accedi” da “iscriviti”.

Molti utenti finiscono con l’intraprendere un’azione sbagliata quando tentano di registrarsi per un account toccando il pulsante “Accedi”, che quindi richiede loro una password. Ciò accade spesso perché gli utenti eseguono rapidamente la scansione dello schermo e ritengono che il primo invito all’azione a catturare la loro attenzione sia quello corretto. Disegna un “accesso” e una “registrazione” che sono facilmente distinguibili l’uno dall’altro in modo che gli utenti possano arrivare dove vogliono andare rapidamente.

16. Rendi l’autenticazione con password un’esperienza senza fronzoli.

Gli utenti si arrabbiano quando devono passare attraverso un arduo compito in più fasi per impostare o reimpostare una password. Ridurre il rischio di abbandono semplificando l’esperienza di autenticazione. Riduci al minimo il numero di passaggi richiesti o utilizza metodi di autenticazione diversi, ad esempio l’accesso di terzi o il login tramite impronta digitale.

INSERIMENTO DEI DATI

17. Costruisci moduli facili da usare.

I moduli devono essere compatibili con il modo in cui gli utenti inseriscono le informazioni. Schermate di progettazione in grado di interpretare più formati di input anziché consentire all’utente di adattarsi ai limiti dell’app. Inoltre, assicurarsi che i campi modulo non siano ostruiti dalla vista da elementi dell’interfaccia come la tastiera. Quando l’utente completa i campi del modulo, avanza automaticamente ogni campo sullo schermo. È anche una buona idea includere efficienze come l’auto-compilazione e la scansione delle carte di credito.

18. Comunicare gli errori del modulo in tempo reale.

Fornire informazioni di errore in tempo reale per alleviare questo punto e chiarire continuamente all’utente quando un’area di un modulo viene completata o convalidata correttamente.

19. Evidenziare i campi di compilazione obbligatori e attivare input automatici di immissione dei dati.

Gli utenti delle app apprezzano le app che forniscono una tastiera appropriata per l’immissione di testo. Assicurati che questo sia implementato in modo coerente in tutta l’app anziché solo per determinati compiti ma non per altri.

20. Fornire informazioni utili nel contesto dei moduli.

Avere informazioni pertinenti e contestuali pronte ad aiutare gli utenti a spostarsi facilmente nel modulo. Ad esempio, quando si pianificano le date, gli utenti apprezzano che ci sia un calendario mensile per identificare i giorni della settimana, eliminando la necessità di lasciare l’app per controllare il calendario dello smartphone. Riduce inoltre il rischio che l’utente venga distratto da un’altra attività.

USABILITA’ E COMPRENSIONE

21. Usare termini conosciuti e frasi chiare. 

Quando gli inviti all’azione sono etichettati con termini non conosciuti o poco chiari, gli utenti possono confondersi. Una comunicazione chiara e funzionale è essenziale.

22. Fornire etichette di testo e chiavi visive per chiarire le informazioni grafiche. 

La grafica e l’iconografia hanno bisogno di etichette di testo per essere interpretate in modo corretto. Le icone usate per rappresentare menu, carrello, conto o store locator non sono universali.

23. Fornire feedback sull’attivazione di una procedura. 

Quando gli utenti aggiungono un elemento al carrello o inviano un ordine, la mancanza di feedback può far pensare che l’azione non sia stata correttamente elaborata. Le applicazioni che forniscono risposteimmediate all’azione, eliminano qualsiasi dubbio.

24. Permettere all’utente di controllare il livello di zoom.

 Gli utenti vogliono essere in grado di controllare il livello di zoom nel momento in cui stanno visualizzando un’’immagine per scorgere iparticolari di loro interesse.

25. Richiedere autorizzazioni al momento giusto. 

Gli utenti possono rimanere bloccati in una specifica fase di navigazione dell’App, quando vengono negate le autorizzazioni o viene visualizzato unfunzionamento non corretto. Le applicazioni dovrebbero chiedere le autorizzazioni nel momento in cui gli utenti stanno svolgendo una procedura per loro importante e sono più propensi a dare il loro consenso.

PRONTI PER CREARE LA MIGLIORE APP MAI VISTA?

Scopri come diventare un App developer con MARS!